Under 17 - Ritorno alla vittoria per i giallorossi

Sabato 14 ottobre i nostri ragazzi erano impegnati nella prima giornata di ritorno del gruppo A allo stadio Pranives di Selva di Val Gardena e, dopo il turno di riposo, era importante ottenere una vittoria per restare in corsa per la seconda piazza della classifica. Tra le file dell’Asiago ritorna Ferraresi Thomas, classe 2001, dopo 2 stagioni trascorse all’Academy Bolzano. Ed è proprio il n. 24 asiaghese ad aprire le marcature dopo 39 secondi dal fischio iniziale. Al 2,17” sul tiro di Cortese Daniel, il più lesto è Masiero Giovanni che raddoppia sulla corta respinta del portiere. Il Gherdeina chiama time out per riordinare le idee e la partita prosegue senza grandi emozioni. Al 16,27” in situazione di doppio power play i biancorossi vanno a segno, ma al 18,22”  il nostro  capitano Tessari Alessandro trafigge il loro goalie con un diagonale dalla destra. Si va al primo riposo sul 3 a 1. Nel secondo drittel ancora avvio travolgente dei vicentini che allungano al 3,06” con Rigoni Filippo (9) che infila di rovescino. In Penalty killing ancora Tessari Alessandro ruba disco sulla blù, si invola in contropiede e porta a 5 le reti dei leoni. Nella seconda metà del tempo l’Asiago sfrutta al meglio 2 power play, al 13,05” è Mocellin Mattia a realizzare, mentre al 19,44” Ferraresi Thomas chiude il drittel e di fatto il match. Nel terzo periodo i nostri ragazzi amministrano il vantaggio e concedono al 12,30” la seconda marcatura casalinga. Con questa vittoria l’Asiago raggiunge il Merano al secondo posto e sarà atteso mercoledì 18 ottobre all’ultima trasferta della prima fase in quel di Como, fanalino di coda ancora a 0 punti.   Forza Ragazzi e Forza Asiago.

Risultato finale: Gherdeina 2 – Asiago 7 (parziali 1 : 3; 0 : 4; 1 : 0)
Marcatori Asiago: Tessari Alessandro e Ferraresi Thomas 2 reti, Mocellin Mattia, Rigoni Filippo (9) e Masiero Adriano 1 rete.

Classifica dopo 6 partite: Juniorteams 15 punti; Merano e Asiago 9 p.;  Gherdeina 3 p. e Como 0 (*) – (*) una partita in meno.

Rigoni Marco

foto